Archivio tag: Corrao

Sur la naissance de la psychothérapie de groupe en Italie. Interview de Claudio Neri par Paolo Cruciani

Revue De Psychothérapie Psychanalytique De Groupe, vol. 52; p. 46-59, ISSN: 0297-1194

Abstract
En répondant aux questions stimulantes de Paolo Cruciani, Claudio Neri évoque la fin des années 60 et ses rencontres avec Wilfred Bion, Francesco Corrao et Franco Basaglia. Il aborde ensuite diverses questions : différences et analogies entre la psychanalyse (duelle) et la psychothérapie de groupe, importance de la pensée de Bion pour la pratique clinique, résultats thérapeutiques plus ou moins satisfaisants de l’analyse de groupe

Intervista a Claudio Neri sulla nascita della psicoterapia di gruppo in Italia

In Lo spazio psicoanalitico, Echi di Psicoanalisi. Roma : Kappa

Abstract
Claudio Neri – rispondendo alle stimolanti domande di Paolo Cruciani – rievoca la fine degli anni ’60 ed i suoi incontri con Bion, Corrao e Basaglia. Egli tocca poi numerosi punti: differenze ed analogie tra psicoanalisi (duale) e psicoterapia di gruppo,  importanza del pensiero di Bion per la sua pratica clinica, risultati terapeutici soddisfacenti e non ottenuti con l’analisi di gruppo.

Une pièce: des personnes qui parlent et discutent

Revue Française de Psychanalyse, LXIII, 3, 1999, pp. 859-865

Abstract
Nella prima parte si illustra la concezione di Bion relativa all’attività di pensiero, costituita dall’alternanza di momenti di disintegrazione e di integrazione (oscillazione Ps  D). Si parla di oscillazione in quanto si passa da Ps a D e viceversa: ogni momento di sicurezza (posizione D) è seguito da una rottura (posizione Ps) che richiede la capacità di tollerare l’instabilità e l’incertezza.
Nella seconda parte, per descrivere il modo di condurre il lavoro di gruppo di F. Corrao, si introducono le nozioni di iperbole (progressiva intensificazione del discorso e della sua capacità di innescare un coinvolgimento) e di catarsi (come processo di liberazione-purificazione attraverso le passioni)

Articolo in pdf
une-piece-des-personnes-qui-parlent-et-discutent

Introduzione a F. Corrao, “Orme” II

F. Corrao, Orme II, Cortina, Milano, 1998

Abstract
Si mettono in rilievo alcune peculiarità del lavoro di F. Corrao, che considera il piccolo gruppo a finalità analitica come luogo elettivo in cui fare esperienza di emozioni, affetti e pensieri. Obiettivo di ogni seduta è il passaggio dal vivere confusamente sensazioni ed emozioni alla consapevolezza di ciò che viene sperimentato.
Viene presentata una sequenza clinica per illustrare come tale trasformazione possa attuarsi attraverso la narrazione mitica, o più precisamente l’individuazione di un mitologhema, cioè di un’unità minima significante di un mito. Il mitologhema, pur essendo simile all’archetipo junghiano, se ne differenzia perché non è un a priori, ma nasce e prende forma nel discorso de gruppo

Articolo in pdf
introduzione-a-f-corrao-orme-ii

Crisi della presenza e mitologhema

Seminario di ricerca e dottorato Les modèles de l’anthropologie, Università Lumière Lyon 2, 5 marzo 1998

Abstract
De Martino parla di crisi della presenza in un gruppo per indicare momenti in cui questo non è in grado di operare come soggetto collettivo capace di pensiero e i suoi membri non riescono a mantenersi presenti a ciò che sta accadendo. Alla crisi della presenza fa seguito un processo di trasformazione e ristrutturazione dell’identità dei partecipanti, attraverso la creazione di narrazioni e miti che consentono di dare forma ai vissuti caotici sperimentati nella fase di crisi, Il mitologhema è il primo frammento di una narrazione mitica relativa alla crisi di una comunità e al suo superamento

Articolo in pdf
crisi-della-presenza-e-mitologhema

Passione, conoscenza, legame

Gruppo e Funzione Analitica, XV, 12,1994, pp.147-151

Abstract
Si commenta un brano di F. Corrao in cui il rapporto tra passione e pensiero, e la sua importanza nella tecnica psicoanalitica, viene definito come «modello relazionale interattivo». L’analista non deve contrapporre gli affetti, le emozioni e le passioni ai costrutti cognitivi, ma ricercare costantemente la loro complementarietà e la possibilità che si verifichino oscillazioni tra affetti e pensiero. Si riconosce quindi che anche gli affetti svolgono il ruolo funzionale di fattori ordinatori del processo conoscitivo

Articolo in PDF
passione-conoscenza-legame

Introduzione a Psicoanalisi futura

Borla, Roma, 1993, pp. 11-22

Abstract
Nella prima parte del testo viene sottolineato il contributo scientifico che Francesco Corrao ha dato alla psicoanalisi, a livello teorico, metodologico e clinico, mettendo in evidenza il suo percorso attraverso la scuola psicoanalitica francese e successivamente quella inglese, in particolare Bion.
Nella seconda parte sono presentati sinteticamente i principali temi trattati nei contributi di diversi autori: metodologia, analisi di gruppo, interpretazione, narrazione, mitologia e psicoanalisi

Articolo in PDF
introduzione-a-psicoanalisi-futura